sabato 10 marzo 2018

Patente, procedura per il rinnovo

Dal 09 gennaio 2014 non riceviamo più il bollino adesivo da applicare sopra la vecchia patente, ma riceviamo una patente tutta nuova costituita dal modello plastificato CARD. 
La nuova procedura parte dalla consueta visita medica effettuata da sanitari abilitati, medici in servizio presso le ASL, quelli militari, medici ministeriali che di solito operano presso le autoscuole e quelli delle Ferrovie dello Stato. 
Effettuata la visita con esito positivo, il medico si collegherà via web con il CED della Motorizzazione e stamperà una ricevuta che ha validità 60 giorni, in attesa che giunga la nuova patente all'indirizzo dell'interessato. 
I costi sono pressoché invariati:16,00€ per il bollettino postale che sostituisce la marca da bollo e 9,00€ per i diritti della Motorizzazione, più il costo della visita medica; a questo si aggiungono 6,86€ per la spedizione al domicilio della nuova patente e le due fototessera. Se il cittadino risultasse assente al momento della consegna postale, la nuova patente resterà in giacenza alle Poste per 60 giorni. 
E' importante presentarsi al rinnovo della patente con due fototessara aggiornate in quanto talvolta le foto riportate sul documento, a distanza di anni, non sono più attuali o sbiadite, e la categoria per la quale è abilitato il conducente non è chiara ed il documento è facile da contraffare. 
Fu prevista da quel lontano 2014 una nuova classificazione dei veicoli con 15 sottocategorie:
AM - A1 - A2 - A
B1 - B - BE
C1 - C1E - C - CE
D1 - D1E - D - DE
Per passare da una categoria all'altra, si dovrà sempre sostenere un esame le  cui modalità saranno stabilite da ogni singolo stato europeo.
Così, ade esempio, la patente A1 si potrà conseguire a 16 anni  per guidare cilindrate fino a 125cc. Chi ha 20 potrà conseguire la patente A, a condizione che si sia in possesso della A2 da almeno due anni. La B1 serve per poter condurre i quadricicli e le minicar.


Sono arrivate anche le patenti C1 e D1 in pratica eguali alla C e alla D, con la differenza che queste ultime prima si potevano ottenere al compimento dei 18 anni e di 21 anni, ora invece per sostenere l'esame bisogna avere 21 e 24 anni.


Nessun commento:

Posta un commento